fbpx

Detrazioni Fiscali 50%: Ristrutturazione Edilizia 2021

Oggi vorrei parlarvi del bonus a cui si può accedere in caso  di ristrutturazione, in modo da ridurre i costi d’intervento. Per tutto il 2021 è ancora possibile usufruire delle detrazioni fiscali del 50% per opere di ristrutturazione edilizia e per il miglioramento dell’efficienza energetica, ma non solo, nella detrazione sono comprese tutte le opere e i compensi professionali di tutti i professionisti, dal progettista al direttore dei lavori, dal tecnico che si occupa delle opere in cemento armato, a quello catastale, ecc. potranno essere detratti anche mobili, sanitari, cucina,   ecc.  L’IVA per i professionisti è sempre dunque al 22%, ed i pagamenti dovranno essere fatti esclusivamente tramite bonifico bancario riportante i dati di protocollo della pratica edilizia comunale.

Detrazioni 50%: Che cos’è.

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

Tuttavia, per le spese sostenute dal 26 giugno 2021 al 31 dicembre 2021 la detrazione è elevata al 50% e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

Come funziona:

Prima di iniziare è meglio affidarsi ad un tecnico abilitato. 

Proprio per verificare che tutti gli interventi siano realizzabili.  L’architetto deve elaborare lo studio di fattibilità (contattaci per fissare un appuntamento) è una relazione in cui vengono riassunti; il risultato delle verifiche effettuate sul tuo immobile, analisi normativa, conformità edilizia, analisi economica, e sono indicati gli interventi realizzabili.

Poi verranno preparate le pratiche edilizie per l’avvio dei lavori, solitamente si tratta di una SCIA – Segnalazione di Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, o di una CILA – Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata.

Per fare la richiesta del bonus ristrutturazioni devi ricordarti di pagare tutte le spese con un bonifico bancario  o postale, parlante, ovvero in cui indichi:

  • Codice fiscale di chi beneficia della detrazione.
  • Codice fiscale, o numero di partita IVA, di chi beneficia del pagamento.
  • Causale del versamento, con riferimento all’articolo 16-bis del Dpr 917/1986.
  • inviare, quando prevista, all’Azienda sanitaria locale competente per territorio, prima di iniziare i lavori, una comunicazione con raccomandata A.R., tranne nei casi in cui le norme sulle condizioni di sicurezza nei cantieri non prevedono l’obbligo della notifica preliminare alla Asl.

Per quali lavori:

lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono:

  • quelli elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia). In particolare, si tratta degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze.
  • quelli indicati alle lettere a), b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001 (manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento 
  • conservativo, ristrutturazione edilizia), effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali.
  • Quelli necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, anche se questi lavori non rientrano nelle categorie indicate nei precedenti punti e a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza.
  • Quelli relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune.
  • Quelli finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche, aventi ad oggetto ascensori e montacarichi (ad esempio, la realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione).
  • Quelli per la realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone portatrici di handicap gravi, ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104/1992.
  • Quelli di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici.
  • Quelli relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi. Per “atti illeciti” si intendono quelli penalmente illeciti (per esempio, furto, aggressione, sequestro di persona e ogni altro reato la cui realizzazione comporti la lesione di diritti giuridicamente protetti).
  • Quelli finalizzati alla cablatura degli edifici, al contenimento dell’inquinamento acustico, al conseguimento di risparmi energetici, all’adozione di misure di sicurezza statica e antisismica degli edifici.
  • interventi di sostituzione del gruppo elettrogeno di emergenza esistente con generatori di emergenza a  gas di ultima generazione.

Oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche:

  • le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse
  • le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento
  • le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi del DM 37/2008 – ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71)
  • le spese per l’acquisto dei materiali
  • il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti
  • le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi
  • l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunzie di inizio lavori
  • gli oneri di urbanizzazione
  • gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione degli interventi nonché agli adempimenti stabiliti dal regolamento di attuazione degli interventi agevolati (decreto n. 41 del 18 febbraio 1998).

Detrazioni 50% a chi aspetta:

Possono beneficiare dell’agevolazione non solo i proprietari o i titolari di diritti reali sugli immobili per i quali si effettuano i lavori e che ne sostengono le spese, ma anche l’inquilino o il comodatario. In particolare, hanno diritto alla detrazione:

  • il proprietario o il nudo proprietario
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • l’inquilino o il comodatario
  • i soci di cooperative divise e indivise
  • i soci delle società semplici
  • gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

Hanno diritto alla detrazione, inoltre, purché sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture:

  • il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado) e il componente dell’unione civile.
  • il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge.
  • il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato, per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016.

Cessione del credito e opzione per il contributo sotto forma di sconto

Ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge n. 34 del 2020 (c.d. Decreto Rilancio), i soggetti che negli anni 2020 e 2021 sostengono spese per gli interventi di ristrutturazione edilizia possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente:

  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto (sconto in fattura), fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari
  • per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Si tratta di alternative alla detrazione IRPEF del 50% che, invece, prevede 10 quote annuali dello stesso importo.

fonte: https://agenziaentrate.gov.it/

Altre News

Progettazione Edilizia a Novara

Affidarsi allo Studio Arch. Gabriella Prelli per ogni tipo di realizzazione e progettazione edile a Novara e provincia significa poter contare su una consulenza a

Bonus Casa 2022: Novità e Conferme

Chi decide di iniziare quest’anno i lavori sulla casa può beneficiare delle detrazioni fiscali confermate dalla legge di Bilancio, con alcune novità riguardanti le scadenze, e di un

Come scegliere gli infissi: Guida e Costi

Risparmiare sulle finestre si ripercuoterebbe inevitabilmente sulle spese annuali di climatizzazione, si tratterebbe insomma di un risparmio illusorio. Ecco una guida pratica ma esaustiva alla scelta

Hai un progetto simile da realizzare? Contattaci

Oltre 25 anni di esperienza, offre consulenza per:

Progettazione – Ristrutturazioni, 

Consulenza – Eco Bonus 110%

A.P.E, sicurezza Dlg.s 81/08, 

Prevenzione incendi D.P.R 151/11, 

Perizie, Pratiche comunali e catastali 

Contatto veloce